Gomba – Rifugio Alpe il Laghetto

Tempi di percorrenza: h. 2.30

Dislivello: m. 788

Difficoltà: E

Segni di vernice: Rosso – Bianco – Rosso
Il rifugio Alpe il Laghetto m. 2039 è situato in bella posizione nella parte alta della conca del Vallaro, è base di partenza per le ascensioni alle cime circostanti e stupendi belvedere: Azzoglio, Straciugo, Verosso, solo per citarne alcune. Inoltre è un ottimo posto tappa per le numerose attraversate che si possono compiere in questa zona sia verso la Svizzera, sia verso la valle Antrona.
I dintorni sono ricchi di laghetti alpini, alpeggi ancora caricati, che possono essere meta di facili e remunerative passeggiate ed escursioni. Molti sono gli animali selvatici presenti in questa zona e non è raro avvistare marmotte e stambecchi pascolare poco distanti. Questo rifugio è stato ricavato restaurando ed ampliando il vecchio stallone dell’omonimo alpeggio dalla sezione del C.A.I. d’Arsago Seprio, è un accogliente rifugio dotato d’acqua calda, luce elettrica, docce, telefono, accoglienti camere e un refettorio che fa anche da sala pranzo. Aperto tutto il mese di Agosto, più tutti i fine settimana da Giugno a Settembre, e su prenotazione, telefonando alla sede del C.A.I. d’ Arsago Seprio. Locale invernale sempre aperto.
ITINERARIO
Dal parcheggio antistante l’area sportiva di Gomba m. 1251, verso destra, costeggiare il campo da calcio, oltrepassare un’area feste e una zona pic-nic, sino ad incontrare nei pressi di una fontanella (cartelli indicatori) la traccia che seguendo il limitare del bosco in falsopiano porta ad incrociare il sentiero vero e proprio il quale ha origine un centinaio di metri più in basso. Salire incontrando quasi subito una biforcazione con cartello, lasciando perdere la traccia che sale dritta, deviare a sinistra e proseguire la salita su di un buon sentiero che alternando tratti che non lasciano respiro a tratti abbastanza pianeggianti, attraversa il versante della montagna fino ad arrivare sulla costa boscosa che divide la zona della Gomba da quella di Pizzanco. Risalire la costa per una cinquantina di metri, poi a sinistra riprendere ad attraversare e guadagnando quota con ripidi tornanti uscire sul sentiero proveniente da S. Bernardo.
Proseguire ora in piano sempre verso sinistra oltrepassando dopo poco la deviazione per Pizzanco, il sentiero attraversa sempre più o meno in piano fino ad un torrente per poi ricominciare lievemente a salire sino a giungere all’alpe Oriaccia. Passare davanti alle baite dell’alpeggio, poco dopo oltrepassare un altro torrente e sempre diagonale salire l’ultimo tratto ripido fino ad arrivare su di un dosso panoramico con una grossa croce situato Sul margine destro della conca del Vallaro.
Il sentiero percorre lungamente ed in leggera salita il fianco destro dell’alta valle del Vallaro fino ad arrivare al rifugio Alpe il Laghetto.